G20, sul clima si trova l’unità di intenti

A Napoli nessun accordo però sul contenimento della temperatura e sull’eliminazione del carbone

I due punti maggiormente non sono stati portati a casa. Erano: 1) il contenimento dell’aumento di temperatura entro 1,5 gradi al 2030; 2) l’eliminazione del carbone dalla produzione energetica entro il 2025. La seconda giornata dal G20 Ambiente a Napoli ha quindi incassato il parziale successo. Quello di venerdì dove si è trovato un accordo sull’Ambiente, in senso generale. Quello sul Clima è un problema assai più complesso che riguarda modelli, capacità produttive ma soprattutto voglia di crescita economica. Le febbrili trattative hanno comunque strappato impegni e confermato la voglia di discuterne, cosa fino a qualche tempo fa non era presa nemmeno in considerazione da alcuni paesi. Ora quel che si è raggiunto in questi primi accordi consente di aggiornare gli incontri per rettificare costantemente gli impegni presi e assumere tutti la grande responsabilità di dare alla Terra un futuro.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  Capena. Tour fra vie storiche, monumenti e fontane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *