Castel Madama – La scuola di via della Libertà sarà abbattuta, “risorgerà” lì più funzionale e sicura

Primo confronto tra il sindaco col ministro dell'istruzione riguardo lo stanziamento di 6 milioni di euro per la nuova scuola

La scuola elementare in cui generazioni di castellani hanno studiato sarà abbattuta. E nello stesso posto, con affaccio su via della Libertà, sarà costruita una scuola più funzionale, antisismica, con spazi esterni attrezzati.

L’amministrazione comunale di Michele Nonni ha messo in porto un primo risultato: aggiudicarsi un finanziamento di quasi 6 milioni di euro (leggi qui). Castel Madama, infatti, è stato uno dei 12 Comuni della Regione Lazio ad aggiudicarsi il finanziamento dei fondi Pnrr destinati alla sostituzione edilizia delle scuole.

Ieri il sindaco Nonni ha avuto un primo incontro web, come altri primi cittadini interessati dai finanziamenti, col ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi per cominciare a discutere dei dettagli attinenti a progetti e sblocco finanziamenti.

LEGGI ANCHE  MONTEROTONDO. TORNA ‘RACCONTA KOINÈ’, IL CONCORSO LETTERARIO DEDICATO AGLI STUDENTI

“A pochi mesi dall’insediamento abbiamo ottenuto un importantissimo finanziamento, frutto di un lavoro di squadra che ci darà l’opportunità concreta di realizzare una nuova scuola in sostituzione del plesso Vulpiani di via della Libertà”, ha aggiunto, “La necessità di questo intervento, che ha spinto l’amministrazione comunale a lavorare sodo per raggiungere questo importante obiettivo, nasce dalla consapevolezza delle forti criticità di vulnerabilità sismica in cui il plesso in questione verte”.

Gli inevitabili disagi che i nostri ragazzi e le loro famiglie si troveranno ad affrontare durante la fase di realizzazione saranno ripagati dalla possibilità di avere finalmente una scuola sicura, moderna e all’avanguardia, a misura di bambino e delle aspettative di bellezza e qualità che merita”, ha concluso Nonni, “Si stanno già valutando soluzioni alternative il più possibile idonee a ridurre al minimo tali disagi, soluzioni che verranno condivise con la popolazione scolastica interessata”.

LEGGI ANCHE  A Villa d'Este e Villa Adriana olio e vino ai tempi dei romani

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *