GUIDONIA – Imu e Tasi, evasi 3 milioni di euro: la Asl patteggia

La Roma 5 chiede alla Tre Esse Italia una conciliazione per le imposte sui terreni dell’ex Istituto Santo Spirito

Negli ultimi sette anni non ha pagato un centesimo di tasse e ora che è arrivato il conto è pronta a patteggiare.

Così la Asl Roma 5 ha deciso di attivare un procedimento di conciliazione extragiudiziale col Comune di Guidonia Montecelio per arrivare ad un accordo e risolvere le controversie tributarie relative a 12 avvisi di accertamento esecutivo notificati il 20 dicembre 2021 per il mancato pagamento di Imu e Tasi per un totale di due milioni 938 mila 848 euro.

A tanto ammonta il debito maturato tra il 2015 e il 2019 da parte dell’Azienda Sanitaria Locale, secondo la “Tre Esse Italia Srl”, la società concessionaria dell’accertamento e della riscossione dei tributi per conto del Comune di Guidonia Montecelio.

LEGGI ANCHE  MENTANA – L'ovazione per Matteo Alesiani, il nuovo vicesindaco

Le imposte riguardano terreni edificabili e fabbricati costruiti nelle aree dell’ex Pio Istituto Santo Spirito un patrimonio di proprietà dell’Asl di Tivoli di circa 400 ettari esteso tra l’ex polverificio Stacchini a Tivoli Terme e il Centro Agroalimentare Romano di Setteville di Guidonia.

Un debito che la Roma 5 ora è pronta a transare e per questo oggi, giovedì 26 maggio, il Direttore Generale Giorgio Giulio Santonocito ha affidato l’incarico all’avvocato Valerio Ficari e ad un commercialista romano per un importo totale di 16 mila 139 euro e 99 centesimi.

Si tratta degli stessi professionisti ai quali il primo marzo scorso il manager Santonocito aveva affidato un precedente incarico da 20 mila 960 euro per fare ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Divieto di dimora in città, dipendente comunale sospeso

Due mesi fa, infatti, la Asl era convinta che le imposte del 2015 fossero prescritte per cui non siano dovuti al Comune di Guidonia Montecelio la bellezza di 410 mila 388 euro e 49 centesimi. Davanti alla Commissione Tributaria Provinciale la Asl era pronta a chiedere la rideterminazione dell’entità delle sanzioni applicate in quanto nel caso di specie ricorrerebbe l’applicazione del cumulo giuridico.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.