TIVOLI – Ztl, i vigili urbani sbagliano targhe: annullate 450 “multe pazze”

Rilevati numeri errati di veicoli beccati nella Zona Traffico Limitato senza permessi

Qualcuno è un errore del sistema, altri sono veri e propri errori umani. Errori per i quali oggi il Corpo della Polizia Locale di Tivoli corre ai ripari annullando le multe non dovute.

E’ quanto stabilisce la determina numero 278 – CLICCA E LEGGI LA DETERMINA - firmata giovedì 2 febbraio dal Comandante della Polizia Locale Antonio D’Emilio.

Con l’atto vengono annullati in autotutela 450 verbali emessi nel 2019 dai vigili urbani a carico di altrettanti automobilisti ignari che si erano visti notificare la sanzione per aver infranto il transito ai varchi di controllo automatico installati in varie Zone a Traffico Limitato della città, senza mai esserci passati.

LEGGI ANCHE  CASTEL MADAMA - Arriva la fibra ottica ultraveloce per 1.500 famiglie

L’annullamento delle multe fa seguito alle istanze presentate dai sanzionati ingiustamente. Così la Polizia Locale ha esaminato gli atti e ha ritenuto fondate le motivazioni, accertando che i verbali risultavano viziati negli elementi formali e/o sostanziali e che i vizi non sono sanabili.

Le verifiche e la revisione dei verbali elevati in materia di Codice della Strada avvengono periodicamente per accertare la regolarità delle procedure ed attivare gli adempimenti previsti per la definizione delle pratiche. Dalle verifiche emergono spesso errori da parte degli accertatori (Agenti ed Ausiliari della sosta), ma anche il rilievo erroneo delle targhe da parte del sistema, oppure l’errata trascrizione durante la fase manuale di inserimento dei dati dei veicoli autorizzati nel sistema di controllo automatico. Senza contare gli errori su targhe di veicoli stranieri non riconosciuti come tali ed attribuite a proprietari di analoga targa italiana.

LEGGI ANCHE  PALOMBARA SABINA - Viabilità, 400 mila euro per asfaltare strade e marciapiedi

Fortunatamente nessuna delle 450 “multe pazze” è stata pagata.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.