Conflitto in Medio Oriente, le nostre imprese ne soffrono

La rilevazione di Federlazio rileva una diminuzione di attività che registrano profitti

Il clima di incertezza pesa nella vita delle attività nella nostra regione.

Gli effetti sono evidenti e sono gli stessi imprenditori a dichiararli in un sondaggio di Federlazio.

Questi i problemi nello specifico: incremento dei prezzi per materie prime e semi lavorati – così ha risposto il 60% degli intervistati. E poi altri problemi: dinamiche inflattive, 46,2%; difficoltà di accesso al credito e aumento dei tassi di interesse, 38,5%.

Su duecento titolari di impresa intercettati circa sei su dieci sono le attività riuscite a mantenersi in equilibrio e, in parte, a crescere. Le altre registrano arretramenti nei livelli dei ricavi. Ad inizio anno quest’ultima percentuale era appena al 16,6%:

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Lucia Di Rienzo, premiata la Campionessa mondiale di Spartan Race

Nell’insieme, il sistema impresa del Lazio tiene. Da gennaio ad ottobre di questo anno il 41,9% delle imprese registrano anche un incremento, ma il 37,1% rilevano una contrazione. Le altre, il 21%, sono stabili. Ma è anche vero che nel 2022 in relazione ai dati del 2021 erano di più le imprese con incremento. L’aumento di fatturato era dichiarato dal 48% e quelle in calo appena il 22%. Quindi il dato sulla contrazione dei ricavi riguarda il quindici per cento delle attività.

Sempre Federlazio recepisce un sentimento di preoccupazione dalle imprese associate. Solo l’1,5% degli intervistati non vede alcuna problematica all’orizzonte.

LEGGI ANCHE  TIVOLI – Scuola Taddei, 267 mila euro per tre anni di affitti arretrati

L’incidenza della crisi in Medio Oriente ha reso la vita più difficile al 33% delle imprese, il 37% sono quelle che al momento non sono in grado di esprimere un giudizio in merito. Le restanti si considerano al riparo. Le preoccupazioni però sono determinate anche dal clima di incertezza tra i consumatori che sono alla causa sempre di una contrazione di consumi.

Rispondono in questo senso il 68,2%.

Ma, insieme a questa preoccupazione, c’è l’altro consistente timore per l’aumento dei costi energetici e per l’inflazione.

È il dato del 54,4%.

(An. Na.)

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.