Delitto di Avetrana, Michele Misseri esce dal carcere

Da stamane è un uomo libero con un anno di anticipo grazie alla norma 'svuotacarceri'

E’ uscito di prigione con circa un anno di anticipo beneficiando della riduzione della pena per buona condotta e della norma ‘svuotacarceri’.

Così stamane, domenica 11 febbraio, alle 7,30 ha lasciato il carcere di Lecce Michele Misseri, l’uomo condannato a otto anni per soppressione di cadavere della nipote 15enne Sarah Scazzi, uccisa il 26 agosto del 2010 ad Avetrana in provincia di Taranto.

Misseri era in carcere dal 2017 riconosciuto colpevole di aver gettato in un pozzo l’adolescente.
La moglie e la figlia di Misseri, Cosima Serrano e Sabrina, stanno scontando l’ergastolo per aver strangolato la 15enne.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Il ritorno di "Fleximan", divelto l'autovelox sulla "48"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.