GUIDONIA – Don Gino: camera ardente in parrocchia, funerali con 30 sacerdoti

Dalle ore 12 di oggi il feretro esposto nella chiesa che fece costruire

Inizia alle ore 12 di oggi, giovedì 6 giugno, la camera ardente per don Gino Tedoldi, lo storico parroco della chiesa di Santa Maria a Setteville di Guidonia spentosi ieri notte all’ospedale “Sandro Pertini” di Roma all’età di 78 anni (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Don Luigi Tedoldi era nato il 29 aprile 1946 a Cà d’Andrea in provincia di Cremona

La salma sarà esposta all’interno del luogo di culto di via Ludovico Muratori che il sacerdote fece costruire e inaugurò il primo gennaio del 2000 alla presenza del Cardinal Camillo Ruini, all’epoca Vicario di Papa Wojtyla per la Diocesi di Roma.

I funerali saranno celebrati nella chiesa di Setteville domani, venerdì 7 giugno, alle ore 15 dal  Vescovo ausiliare di Roma, monsignor Daniele Salera.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Città più turistica, via libera all'area camper sul Lunganiene Impastato

Insieme al prelato, almeno trenta sacerdoti concelebreranno la messa in suffragio del prete lombardo che ha segnato una parte di storia della ex borgata di Guidonia Montecelio: sull’altare ci sarà l’attuale parroco di Santa Maria, don Leo Torres, insieme al vice parroco, don Andrea Silvestri, e a don Daniele Masciadri, attuale vice parroco dell’Albuccione, cresciuto spiritualmente sotto l’ala di don Gino, ma anche il parroco di Sant’Alessio a Case Rosse, don Giampiero Casolaro, e don Elia Del Prete, parroco di Santa Maria dell’Orazione a Setteville Nord di Guidonia.

A concelebrare ci saranno anche don Tony Venturiello, sacerdote nato a Setteville di Guidonia e amico di don Gino, e i sacerdoti del seminario Redemptoris Mater di Newark (New Jersey) di cui don Tedoldi fu il primo presbitero ordinato.

LEGGI ANCHE  GENAZZANO - Infiorata, una festa di colori che resiste dal 1883

Al termine della funzione funebre il sacerdote sarà tumulato nel cimitero di Montecelio per restare nella città che da 28 anni era diventata la sua casa.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.