Scalo Real Cup: trionfo Milan

scalo real cup3EUROPA LEAGUE – Nella prima finale, quella Europe League, il Milan ha battuto di misura la Spal aggiudicandosi il trofeo. E’ stata una gara comunque molto combattuta e risolta nella ripresa solo da un calcio di rigore. Il Milan è sceso in campo con Alessio Zitelli tra i pali e poi con Alessio Riccioni, Christian Mechelli, Marco Servi, Alessandro Cervellini, Emilio Ubertini, Andrea Macri, Giacomo Eusepi, Alberto Fontinuovi, Patrick Giannetti, Stefano Antonini. La Spal ha opposto Harlin Oxa, Gabriele Mangano, Federico Pezzoli, Cristiano Di Giacinto, Riccardo Cara, Antonello Michella, Pasquale Carriola, Francesco Marino, Valerio Giannetti, Cristian Mandolini. Parte forte il Milan e Giannetti lancia una sassata di sinistro verso Oxa ma la palla va alta sulla trasversa. Al 3° grande rasoterra di Carriola ma Zitella si supera con un grande intervento. Al 18mo minuto la Spal va in vantaggio, il giocatore del Fiano Romano Christian Mandolini lascia partire una saetta in trasversale che non lascia scampo a Zitelli. Gol molto bello e apprezzato dal pubblico presente perché Mandolini è attualmente ancora un giocatore del Real Monterotondo Scalo. Ma il Milan, con le maglie originali e con tanto di sponsor arabo, ha giocatori di classe soprattutto in avanti e da una combinazione tra i due talentuosi Giannetti e Fontinovi scaturisce una punizione dal limite che Christian Mechelli trasforma in rete con una spettacolare conclusione. Nella ripresa entra Eusepi nel Milan e si anima di vivacità l’attacco tanto che a metà ripresa c’è un fallo in area che l’arbitro reputa da rigore. Sul dischetto arriva Patrick Giannetti e scuote la rete con una forte conclusione. Nel finale la Spal tenta un paio di attacchi ma sono i rossoneri ad alzare la Coppa.

LEGGI ANCHE  CASTEL MADAMA - Danza sportiva, Verdiana e Zoe sono Campionesse italiane di Latin Style

 

scalo real cup2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CHAMPIONS LEAGUE – E’ questo il torneo con il più alto tasso tecnico. Giocano elementi che hanno militato tra i professionisti o nella massima categoria dilettanti. In finale ci arrivano la Flaminia Colori e il Real Madrid. La Flaminia Colori schiera Pierluigi De Angelis, Davide Sacripanti, Luca Fiorucci, Edoardo Renelli, Mario De Simone, Alessio Masciarelli, Giuseppe Danieli, Simone Di Iorio, Gabriele Colombini, Edoardo Fagioli, Mauro Savini e Jody Fiorentini. Il Real Madrid con casacca “blanca” classica si oppone con Lorenzo Zonfrilli, Luca Tarantino, Simone Sbardella, Luca Sbardella, Tiziano Luciani, Andrea Casimirri, Matteo Federici, Stefano Italiano, Francesco Marcheggiani, Martio Merlonghi, Piergiorgio Davato, Daniele Muroni. La gara non ci mette molto ad accendersi con scontri di gioco veri ma con grande fair-play da parte di tutti i giocatori. Giocate spettacolari, aperture volanti, ritmi vertiginosi, sul campo si vede grande calcio ed il pubblico apprezza. Al 5° vantaggio della Flaminia colori, Edoardo Fagioli con una serpentina si libera di due giocatori e fulmina Zonfrilli. Al 15° la Flaminia Colori raddoppia, il gioiello di casa, Davide Sacripanti, si invola sulla destra e infila un gran gol in diagonale. Giocate da applausi e pubblico in visibilio. Il Real Madrid ha grandi giocatori e nella ripresa quando entra Matteo Federici, il monterotondese doc, cambia aumentando la sua pericolosità. E’ proprio l’ex gialloblù a fornire due assist prima a Casimirri e poi a Italiano per il clamoroso 2-2. La Flamia ora è in difficoltà e il Real opera il sorpasso al 20° grazie all’ennesima grande giocata di Federici che fa segnare Cristiano Luciani. La Flaminia tenta il tutto per tutto e all’ultimo respiro pareggia con lo scatenato Edoardo Fagioli su punizione dal limite. Si va ai rigori e decisivo è Jody Fiorentini che sul campo di “casa” regala la vittoria alla sua squadra. Poi premiazioni e festa con fuochi d’artificio e miss in campo. La prima edizione della Scalo Real Cup è stata un grande successo.

LEGGI ANCHE  FONTE NUOVA - Subbuteo, gli atleti locali protagonisti al Campionato italiano

di Sergio Toraldo

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.