Prosegue il vaccintour della ASL Roma 5, il programma delle tappe

Le Unità Mobili dell’azienda stanno raggiungendo i Comuni del territorio di competenza aziendale per dare la possibilità, a chi ancora non l’avesse fatto, di vaccinarsi contro il Covid 19

Prosegue in #vaccintour della ASL Roma 5, le Unità Mobili dell’azienda stanno raggiungendo i Comuni del territorio di competenza aziendale per dare la possibilità, a chi ancora non l’avesse fatto, di vaccinarsi contro il Covid 19. L’obiettivo è quello di agevolare anche nei comuni più piccoli l’accesso ai vaccini e andare incontro alle esigenze degli indecisi e di chi non ha la possibilità di recarsi presso gli Hub.

La ASL Roma 5 però raddoppia e lancia #pre_veniamo, una campagna di screening itinerante: le stesse Unità Mobili vaccinali sono state anche messe a disposizione della prevenzione oncologica: consegna kit per la ricerca del sangue occulto nelle feci e possibilità di prenotare subito l’appuntamento per lo screening per il tumore alla mammella (mammografia) e alla cervice uterina (Pap test) .

La ASL Roma 5 ha unito quindi i due grandi progetti per la salute: quello di lotta al Coronavirus e quello della prevenzione oncologica. I camper  consentono di raggiungere un gran numero di persone contemporaneamente, nello stesso luogo e in territori distanti.

Le Unità mobili torneranno ad effettuare gli screening nei Comuni già raggiunti per le vaccinazioni nei giorni precedenti l’inizio della campagna di prevenzione.

LEGGI ANCHE  "La sanità è materia che dovrebbe coinvolgere tutti"

GLI SCREENING ONCOLOGICI

Nel campo oncologico effettuare diagnosi precoci è fondamentale per aumentare molto l’efficacia delle cure e le possibilità di guarigione. Il Sistema Sanitario Regionale del Lazio offre strumenti efficaci per identificare precocemente e contrastare e limitare le conseguenze di alcuni tipi di tumore attraverso tre programmi di screening:

  • lo screening per la prevenzione dei tumori della mammella (donne nella fascia di età 50-69 anni), esteso fino a 74 anni con accesso spontaneo
  • lo screening per la prevenzione dei tumori del collo dell’utero (donne nella fascia di età 25-64 anni)
  • lo screening per la prevenzione dei tumori del colon retto (uomini e donne nella fascia di età 50-74 anni)

#PRE_VENIAMO: CAMPAGNA ITINERANTE COME FUNZIONA LO SCREENING

All’arrivo presso l’Unità Mobile, oltre a poter effettuare la vaccinazione anti Covid 19, un operatore della ASL darà le informazioni necessarie e consegnerà a chi rientra nei programma di screening una bustina (un KIT) contenente una provetta. Una volta rientrati a casa la procedura è semplice: estrarre la provetta dalla bustina e raccogliere un piccolo campione delle feci. Inserirlo poi nella provetta, richiuderla e riporla nuovamente nella bustina e conservarla in frigorifero. La provetta va riconsegna entro 3 giorni dal prelievo presso uno dei centri che saranno indicati dal personale.

LEGGI ANCHE  Covid: un nuovo anno scolastico a rischio Dad

Gli operatori sono anche a disposizione per prenotare immediatamente, a chi appartiene alla popolazione target, l’appuntamento per lo screening per la prevenzione dei tumori della mammella (mammografia) e lo screening per la prevenzione dei tumori del collo dell’utero (Pap test).

 

#VACCINTOUR – CAMPAGNA ITINERANTE VACCINAZIONE ANTI SARS COV 2

Prosegue il  “Vaccintour” della ASL Roma 5. Due le unità mobili (camper) che si spostano di comune in comune. La campagna, iniziata il 30 giugno, si estenderà entro il mese di luglio a tutti i 70 comuni della ASL.

Possono vaccinarsi, senza necessità di prenotazione, tutti i cittadini di età >18 anni non ancora vaccinati. Sarà sufficiente recarsi presso l’ambulatorio mobile (camper) portando con sé tessera sanitaria e documento di identità. Per la campagna è utilizzato il vaccino monodose Janssen di Johnson&Johnson.

 

Il programma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *