“Aprirò un pub”

Salvatore Buzzi si confessa a Tiburno dopo la presentazione a Palombara del suo libro “Se questa è mafia”

Salvatore Buzzi, ex re delle Coop condannato nell’inchiesta Mondo di Mezzo, venerdì 24 settembre, in occasione della presentazione nel centro anziani di Palombara del libro “Se questa è mafia”, si è lasciato intervistare da Tiburno. “Mai più in contatto contatto con la pubblica amministrazione”, ha promesso

Chi è contro di lei?
Gli impiegati dello Stato. Se oggi dovesse finire il processo fra tutti gli imputati quello a finire in carcere sarei solo io. Combatto a viso aperto.

Perché in questa vicenda si parla di mafia?
I processi per mafia hanno una corsia preferenziale. Sono consentite intercettazioni ambientali e quelle telefoniche. Quelle devastanti sono le ambientali.

LEGGI ANCHE  Sit-in dei No Green pass, in 4mila al Circo Massimo

Scusi, lei non ha detto “gli immigrati rendono più della droga?
Stavo in macchina con una persone e alcune volte non stai attento a quello che dici. Comunque, non è questa la frase. Non ho un reato connesso all’immigrazione e quelle parole sono servite per creare il mostro.

Come nasce l’idea del libro?
L’intento è quello di stabilire una corretta informazione su una nota vicenda, che è stata squilibrata. I fatti da me narrati sono la vera storia del processo. Ho la forza d’animo per combattere questa battaglia che non è ancora finita.

Cosa vuole dimostrare?

Voglio ripristinare una verità e andare incontro alla pena che purtroppo avrò.

LEGGI ANCHE  Vicovaro, Grave incidente stradale

Il futuro di Salvatore Buzzi?
Aprirò un pub e mi cimenterò in attività che non sono a stretto contatto con la pubblica amministrazione.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s