La città policentrica è il modello di urbanesimo

L'Italia insieme al Regno Unito organizzano dal primo al 12 novembre Cop12 dove si presenteranno progetti concreti per l'eliminazione di fattori inquinanti

Guidonia potrebbe fornire una chiave di interpretazione del nuovo modo di concepire la città. Diversi centri, ciascuno indipendente dall’altro, che però mettono in grado i propri cittadini di entrare in contatto tra loro con pochi minuti … Al momento su questo ultimo versante ci sarebbe molto da lavorare, ma non solo per Guidonia bensì per ogni concentrazione urbana.

Sul decentramento nelle città che si concentra l’attenzione dei grandi progetti di superamento dei livelli di inquinamento ritenuti la causa del riscaldamento globale. Sì, perché il modello di città ereditato dall’Ottocento vede i quartieri divisi per classi sociali di appartenenza ma soprattutto caratterizzati da una distribuzione dei servizi e delle attività lavorative tali da allontanare, ad esempio, le grandi concentrazioni di attività dal centro della città.

LEGGI ANCHE  SUBIACO - Prima neve a Monte Livata

Uno degli aspetti che sarà affrontato nel prossimo convegno internazionale organizzato in consorzio da Italia e Regno Unito affronterà anche la centrale questione del nuovo modello di città.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *