Dimore storiche: nel Lazio altre 12. Due del Nord Est

Nella rete delle dimore storiche ora anche Castello Orsini di Sant'Angelo e il Parco della Rimembranza di Mentana

Cresce ancora il numero di dimore e giardini storici inseriti nella Rete della Regione Lazio. Con il nuovo accreditamento si aggiungono infatti altri 12 siti tra palazzi, ville, complessi architettonici e paesaggistici e parchi di enorme valore storico e artistico, portando in totale a 183 i beni accreditati nella Rete regionale. Tra questi due gioielli del Nord Est: il Castello Orsini di Sant’Angelo e il Parco della Rimembranza di Mentana.

La Regione Lazio in questi anni ha inteso valorizzare e promuovere il vasto patrimonio culturale di dimore, ville, parchi e giardini storici presenti nella Regione, fin dall’approvazione nel 2016 di una Legge specifica per la tutela delle ville, delle dimore e dei parchi storici.

Uno strumento concreto per sostenere il recupero e la valorizzazione di una parte importante e fino a oggi sottoutilizzata del patrimonio architettonico e artistico del Lazio: le dimore storiche non hanno solo un valore culturale proprio, che come tale deve essere tutelato, ma possono diventare un volano importante per produrre ricchezza e incentivare il turismo. E in questi anni la rete delle dimore si è costantemente ampliata, passando dalle 96 del 2017 fino alle attuali 183.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - L’sos delle mamme e le confessioni della pentita: così crollò la “Suburra”

Le nuove dimore accreditate sono il Castello Orsini Naro a Mompeo (RM), il Castello Orsini Cesi a Sant’Angelo Romano (RM), il Castello Baglioni a Graffignano (VT), Palazzo Crescenzio e il Parco della Rimembranza a Mentana (RM), il Complesso di S. Maria in Fornarola, la Galleria degli Specchi e l’appartamento estivo di Palazzo Borghese e la Galleria Doria Pamphilj a Roma,  Palazzo Chigi a Viterbo, Palazzo Guarini Antonelli a Priverno (LT), Palazzo Gottifredo ad Alatri (FR) e il piano nobile di Palazzo Pelliccioni a Poli (RM).

Il Castello Orsini Cesi a Sant’Angelo Romano

Il Castello Orsini-Cesi di Sant’Angelo Romano risale al XII secolo. Il nome completo è Castello Orsini-Cesi-Borghese, per via dei diversi proprietari che ha avuto nel corso degli anni. Infatti, il Castello fu preso prima dalla famiglia Orsini per il matrimonio tra Perna Capocci e Ugo Orsini, poi fu acquisito da Federico Cesi, che divenne anche principe di Sant’Angelo, e infine passò a Giovanni Battista Borghese.

Ospita anche un museo naturalistico ora chiuso, mentre il castello è stato dato in gestione a una associazione, la “Federico Cesi”. Il castello è stato restaurato sotto l’amministrazione di Rino Mattei, a fine anni duemila. 

Ara ossario nel parco della Rimembranza di Mentana

Attiguo al museo il parco della Rimembranza in cui sorge l’ara-ossario. Conserva i resti dei 300 volontari garibaldini caduti nella intera Campagna del 1867, opera dell’architetto Fallani (anno 1877). Tra i nomi dei caduti scolpiti ai lati del monumento ci sono quelli dei fratelli Cairoli, di Giuditta Tavani Arquati e di suo marito Francesco Arquati, di Monti e di Tognetti la cui decapitazione per mano del governo pontificio avvenne nel 1868.

LEGGI ANCHE  “Ciao Giulia” sui palloncini bianchi, l'ultimo addio per la strage di Fonte Nuova
Il Parco della Rimembranza e l’Ossario Garibaldino di Mentana

Mentana – Oggi a Palazzo Borghese la presentazione del mosaico

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.