TIVOLI – Elezioni 2024, la Lega lancia un Centrodestra Bis?

Laura Cartaginese ed Eligio Rubeis invocano l'unità, ma Fratelli d'Italia e Forza Italia hanno già scelto il candidato sindaco

In riferimento all’articolo TIVOLI – Elezioni 2024, il Centrodestra presenta il candidato sindaco, da Laura Cartaginese, attuale capogruppo della Lega in Regione Lazio e Commissario del partito a Tivoli, e dal vice commissario Eligio Rubeis, ex sindaco di Guidonia Montecelio dal 2009 al 2015, riceviamo e pubblichiamo:

“La Lega Tivoli, l’UDC Tivoli e le liste civiche Cittadini in Movimento, Tivoli Mia, Tivoli Sei Tu, riunitesi più volte in questi ultimi giorni, unitamente ad alcune altre liste civiche già attive sul territorio, sentiti anche rappresentanti di comitati di quartiere, di associazioni di categoria e Noi Moderati di Tivoli hanno condiviso quanto segue.

Consapevoli del concreto riscontro sul territorio, ritengono fondamentale continuare a lavorare per comporre una coalizione di centrodestra unita coesa e che manifesti armonia, lealtà e trasparenza tra tutti i partecipanti.
Che prioritariamente e senza indugio siano introdotte tutte le azioni politiche necessarie per evitare di creare coalizioni di centrodestra che ripetano gli errori, del 1996 e del 2010, quando sono state realizzate alleanze a livello territoriale legate unitamente dal consenso politico nazionale reale o presunto, piuttosto che basate sulla mera convenienza personale del momento, senza alcuna condivisione sui temi.

LEGGI ANCHE  MONTEROTONDO - Il pino crolla sulle auto, paura in via Nomentana

Siamo difatti oramai consapevoli che questo tipo di legame possa creare in breve tempo instabilità, ingovernabilità, consequenziale rallentamento dell’azione amministrativa e pertanto considerevoli disagi per la cittadinanza.

A tal fine queste prime riunioni sono servite unicamente per condividere le linee principali di programma, la necessità di sviluppare e condividere ogni argomento, la consapevolezza di poter e dover estendere la partecipazione senza alcuna pregiudiziale o preclusione arbitraria.

Pertanto, il tavolo per la costruzione del centrodestra è e rimane aperto a tutti coloro, movimenti e partiti, che vogliano aderire dando priorità alla competenza, alla partecipazione ed alla condivisione e siano realmente disinteressati a slanci personalistici su cariche e/o ruoli politici, consapevoli che solamente la strada del dialogo e della franca condivisione sul programma possano essere il collante per un’amministrazione che operi, anche in futuro, in armonia”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.