TIVOLI – Consiglio comunale, il sindaco giura e i pacifisti chiedono il “cessate il fuoco”

Sit-in davanti al Comune per ripristinare lo striscione della pace su Palazzo San Bernardino

Dal Coordinamento Marcia della Pace Tivoli Guidonia riceviamo e pubblichiamo:

“Oggi durante il primo consiglio comunale della nuova giunta guidata dal sindaco Marco Innocenzi, il Coordinamento Marcia della Pace Tivoli Guidonia insieme alla componente Politica Tivoli Popolare e Inclusiva ha organizzato un sit-in davanti al Comune per portare la voce della pace all’interno dell’assemblea e sensibilizzare il nuovo sindaco sulla cultura della pace.

Abbiamo espresso la nostra preoccupazione per la rimozione dello striscione “Cessate il fuoco” e abbiamo sottolineato l’importanza che Tivoli diventi un territorio di pace.

Abbiamo evidenziato le drammatiche cifre delle vittime delle guerre in Ucraina e Palestina: 500.000 soldati ucraini morti, 451.000 soldati russi morti, oltre 26.000 bambini palestinesi uccisi dall’esercito israeliano e più di 36.000 civili morti a Gaza.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Inviolata, in fiamme il bosco nella Riserva naturale

Abbiamo ribadito che l’amministrazione comunale deve scegliere la via della pace per garantire un futuro migliore a tutti i cittadini di Tivoli il Sindaco deve rappresentare non solo a coloro che lo hanno votato ma anche il restante dei cittadini.

Nonostante nessun consigliere eletto sia di maggioranza che di opposizione abbia accolto le nostre ragioni, abbiamo consegnato in portineria due bandiere della pace da destinare al sindaco come simbolo del nostro impegno per una città solidale e pacifica.
Il movimento pacifista continuerà a chiedere un incontro ufficiale con il sindaco per discutere delle politiche necessarie a promuovere la pace nel nostro territorio”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.