L’amore ai tempi dell’eBook per scegliere il partner giusto

 SCARICA e-book

“Ti sei mai innamorato della persona sbagliata?” sarà capitato a molte donne e uomini almeno una volta nella vita, ma cosa accade quando tutti i partner sembrano essere sbagliati?
Da questa problematica “più comune di quanto possa sembrare” è nato l’ebook “La persona sbagliata. Perché continuiamo a sceglierla e come smettere di farlo” un libro elettronico, scaricabile gratuitamente online, che in soli due giorni dopo la pubblicazione ha ricevuto più di 200 download. L’autore è il Dottor Flavio Cannistrà, psicologo a Roma e Monterotondo specializzato in psicoterapia breve strategica e curatore del blog lostudiodellopsicologo.it, che nel libro spiega, attraverso un linguaggio semplice e divulgativo, come affrontare questa problematica, ricordando, in primis, che “un libro può dare molto, ma non può risolvere tutto”.
Perché ha deciso di affrontare questa tematica?
Perché è molto comune. Come dice Matteo Rampin, nessuno trova la persona giusta: trovi persone momentaneamente giuste, con cui costruire relazioni che funzionano o che non funzionano. Ma nel secondo caso dovresti poi fare un cambiamento decisivo, anziché restare e subire gli eventi.
Perché alcune persone s’innamorano sempre del partner sbagliato? Da cosa dipende?
Certi guru contemporanei dicono con troppa facilità che “A capita a causa di B”. Ci sono tante cause, molte ipotetiche, e che non vanno spacciate per verità. Per questo l’ebook esplora, brevemente e in modo divulgativo, non il “perché accade questo”, ma un possibile “come far sì che non accada più”.
Com’è che si può capire in tempo che si tratta del partner sbagliato?
A volte i segnali sono chiari, a volte più subdoli, come in sottili ma continue squalifiche, ma capirlo non è facile: se credi di valere poco, non riconoscerai che l’altro ti sta squalificando. La dottoressa Borchard ha elaborato delle interessanti domande in proposito. Le ho tradotte sul mio blog, nell’articolo: “Sei compassionevole o dipendente? 6 domande per capirlo”.
Come si può evitare di fare lo stesso errore?
Apprendendo nuovi modi di agire che portino a nuovi modi di percepire gli altri e se stessi. Spesso il problema sta nel provare certi sentimenti solo per quelle persone che, poi, si riveleranno sbagliate: sono dinamiche complesse, che scattano velocemente, ma che abbiamo appreso (spesso inconsapevolmente) e che, quindi, possiamo modificare. Possiamo allenarci a cambiare questi modi disfunzionali di sentire. Questo non significa affatto controllare razionalmente i sentimenti: è il contrario. Significa apprendere nuove modalità di comportamento che portino a nuove sensazioni. Come diceva Wittgenstein, una volta che l’apprendimento è stato reiterato sufficientemente diviene un’acquisizione, cioè diviene spontaneo.
Spesso però c’è una forte resistenza al cambiamento…
È giusto che ci sia. L’uomo tende all’omeostasi, all’equilibrio. Il problema è quando ci si irrigidisce, quando si serrano le porte alle possibilità di cambiamento. Per evitare di farlo e per allenare la mente ci sono molti modi. Heinz von Foerster ne ha riassunti diversi nel suo “imperativo etico”: agisci sempre in modo da aumentare il numero delle scelte.
Uno dei consigli è “inizia a osservare le persone di cui pensi che non t’innamoreresti mai”. In amore soprattutto all’inizio, non è tutta una questione di chimica?
Di chimica, biologia, psicologia e probabilmente anche di sociologia e statistica: come dire, è una questione di tante variabili. L’ebook lo dice chiaramente: non vuole essere una pretenziosa e irrealistica panacea di tutti i mali, ma propone una prospettiva diversa, per iniziare a conoscersi, vedersi e comportarsi in modo diverso. Hai detto bene: in amore, soprattutto all’inizio, ci sono variabili incontrollabili. Intraprendi un percorso per iniziare a sperimentarne di nuove.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Stuprata in casa a 12 anni, condannato il papà orco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *