Tivoli. Cossinia l’eterna sacerdotessa

La donna, dopo oltre tre decenni non torna a casa e decide di proseguire il suo servizio fino alla fine

Discendente di una nobile famiglia tiburtina destinata al sacerdozio di Vesta presso il tempio della Dea a Tivoli, Cossinia, dopo oltre tre decenni non torna a casa e decide di proseguire il suo servizio fino alla fine. Muore a 75 anni. La popolazione decide di onorarla smisuratamente per la sua devozione e il corpo viene portato a braccia nella sua ultima dimora. Nel 1929 gli archeologi ritrovano il cippo funerario, lungo la riva destra del fiume Aniene, tra la stazione ferroviaria e Villa Gregoriana. Durante gli scavi viene coperto un complesso di tre gradini sempre in travertino, che custodisce i resti di una donna dentro un sarcofago marmoreo.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  Tutti i social network sono down.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *