Guidonia in cerca di candidati a sindaco (oppure candidate …)

Schieramenti che si interrogano non solo sulle persone giuste da presentare ma anche su loro stessi

Non tutti sanno che quando Guidonia andrà a votare a metà 2022, saranno poche le amministrazioni chiamate al voto, e non ci sono altri organismi elettivi al vaglio. Quindi l’attenzione di tutto il sistema-paese-politico sarà concentrato su Guidonia che avrà la funzione anche di test degli andamenti decisivi.

E’ quasi certo, quindi, che le decisioni finali non saranno valutate solo nella Città dell’Aria ma avranno bisogno del vaglio e del consenso nelle sedi centrali di partito. Da una parte, quindi, potrebbe essere l’occasione di sperimentare nuove soluzioni, come, ad esempio, la dissoluzione del centrodestra per l’alleanza di Forza Italia col centro moderato (è un’ipotesi di scuola, nessuno mandi rettifiche o chiarimenti).

LEGGI ANCHE  Marcellina, I delegati del sindaco? Un attore e 4 candidati non eletti

Lega e Fratelli d’Italia dovranno quindi fare un grande lavoro su loro stessi, innanzitutto, e poi di moral suasion per convincere tutti a ricompattarsi nella tradizionale collocazione di centrodestra.

Ma un altro mal di pancia sta nel cosiddetto neo centrosinistra dove il Pd potrebbe scegliere di comune accordo di presentarsi senza il Movimento Cinque Stelle con l’obiettivo di arrivare al ballottaggio e lì ricomporre l’alleanza. Ma in questo modo c’è il rischio serio di non arrivare al ballottaggio.

Tutto questo perché a Guidonia l’anomalia nazionale c’è e si fa sentire. Si tratta del centro rappresentato dal Polo Civico. Una lista che si presenta come determinante e probabilmente non si unirà in coalizioni ma possibili apparentamenti solo al secondo turno.

LEGGI ANCHE  Ecco le liste!

Quella che è un’elezione cittadini si presenta come un banco di prova a cui le sedi nazionali dei partiti dovranno guardare con molta attenzione e forse evitare di dare la linea prima di osservare quali sono le vere dinamiche che si muovono nella nostra realtà. Tra queste dinamiche c’è anche quante persone aventi diritto andranno effettivamente a votare, chi sarà maggiormente penalizzato dall’astensione che oggi rappresenta una costante sulla quale bisogna fare i conti.

IL servizio all’interno del numero di TIBURNO oggi in edicola

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s