Moricone – Un libro su suor Colomba, la mistica della Sabina

Sarà presentato sabato 15 gennaio nella parrocchia di Santa Maria Assunta alla presenza del cardinale Re

Cinquecentottanta pagine per raccontare vita opere e scritti di suor Maria Colomba di Gesù, all’anagrafe Paola Serantoni, la mistica del ‘700 nata e morta a Moricone. E’ titolato “Solitudine” l’opera magna sulla religiosa più amata nella Sabina. Il testo scritto da don Bruno Marchetti, sacerdote di Palombara in pensione, sarà presentato sabato 15 gennaio alle ore 16 nella parrocchia di Santa Maria Assunta a Moricone. Parteciperanno il vescovo della Sabina Ernesto Mandara e il cardinale Giovanni Battista Re, prefetto emerito della Congregazione per i Vescovi e decano del Collegio cardinalizio.

“Il titolo deriva da uno spunto: Suor Colomba nel chiedere a Gesù dove Lo avrebbe potuto trovare ha avuto come risposta ”Nei boschi e nei roveti”; i boschi rappresentano la solitudine e i roveti le penitenze”. Monsignor Marchetti, originario del reatino e a lungo sacerdote a Palombara Sabina e a Monterotondo Scalo, quindici libri editi, nella prima parte del testo fa una valutazione storica e teologica della mistica e della sua opera, nella seconda riporta tutti gli scritti, il regesto delle opere.
A suor Colomba sono state dedicate strade e luoghi religiosi. A Moricone aveva fondato una congregazione; a Mentana, dove è vissuta per 14 anni seguendo uno zio prete, ha compiuto la sua opera più importante: ha creato la prima scuola per ragazze, un istituto per la carità riservato solo a giovani donne, una antesignana vista l’epoca. (A.P.)

LEGGI ANCHE  Teatro Imperiale

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *