Mattanza di delfini sulle spiagge atlantiche

Mare color rosso sangue: 1428 mammiferi uccisi

Shock e smarrimento

Le immagini hanno fatto il giro dei social media scatenando l’ira degli ambientalisti e non solo.

La tradizionale caccia alle balene nelle isole Faroe, nel nord Atlantico, ha segnato anche il massacro di 1.428 delfini.

Le fotografie mostrano i cadaveri dei mammiferi sulla spiaggia di Skalabotnur ed un mare color rosso sangue.

La “Grindadrap” consiste nel trascinare i cetacei a riva e poi macellarli con arpioni, coltelli e in qualche caso anche con trapani. Ogni anno, riporta la Bbc, vengono sgozzate circa 600 balene e una quarantina di delfini.

Ma la caccia di domenica scorsa è senza precedenti. “È stato un grande errore”, ha ammesso il presidente dell’associazione dei balenieri delle isole. Secondo i media locali, la reazione della popolazione è stata di smarrimento e di shock. Tuttavia un sondaggio effettuato dalla tv pubblica ha rivelato che mentre il 50% delle persone è contraria alla caccia dei delfini, l’80% continua ad essere favorevole a quella delle balene.

LEGGI ANCHE  Monterotondo - "Salviamo i 5 lecci del Pincetto"

 

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s