Morlupo – Apre l’asilo nido comunale: è immerso nel verde

Open day all’asilo nido comunale di Morlupo, sabato 28 ottobre dalle 10 alle 13, in via Atleti d’Italia 162. E’ solo questione di giorni e la struttura dedicata ai bambini di Morlupo, Capena, Riano e Castelnuovo di Porto sarà pronta ad accogliere i piccoli dei quattro paesi alle porte di Roma.

 

Immerso nella natura e circondato da un grande parco verde, il nuovo nido del comune guidato dalla cooperativa sociale Gialla, potrà accogliere 60 bambini dai 3 mesi ai 3 anni d’età, in un ambiente nuovo e luminoso, costruito con tecnologie all’avanguardia. In primo piano l’alimentazione dei piccoli: la cucina interna all’asilo utilizzerà esclusivamente prodotti a filiera corta km 0, basandosi su un menù redatto dalla nutrizionista della cooperativa Gialla e validato dalla Asl. Il personale che accoglierà i bambini sarà coordinato da un’educatrice esperta che costruirà percorsi linguistici in italiano, francese e spagnolo affidandosi a insegnanti madrelingua. Anche la continuità con le scuole d’infanzia presenti in zona sarà garantita, così come l’idea di sviluppare una collaborazione attiva con il consultorio o il centro anziani: un progetto che all’asilo nido di Bracciano partirà a breve, grazie all’impegno dei nonni del paese che andranno a impostare e curare l’orto nel giardino del nido. Durante l’anno mamma e papà potranno confrontarsi con le educatrici nelle riunioni fissate a cadenza regolare oppure durante gli incontri con gli esperti chiamati a parlare di pedagogia o psicologia dell’età evolutiva. Le iniziative pensate per i bambini sono tante: dalle aperture serali, ai corsi per i genitori e la cittadinanza, dalle gite organizzate sul territorio alla mini biblioteca interna, fino ai festeggiamenti che terranno in considerazione tutte le ricorrenze. L’unica cosa che manca è il nome, così la cooperativa sociale Gialla invita i cittadini a lanciare proposte via mail all’indirizzo: morlupo@csgialla.it

LEGGI ANCHE  Il serial killer scrittore

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *