GUIDONIA - In perlustrazione con l’auto contraffatta, ladre messe in fuga dai vicini

Dirimpettaia scatta la foto e annota la targa

E’ sempre emergenza furti a Setteville Nord, quartiere residenziale del Comune di Guidonia Montecelio che insieme a quello di Marco Simone Vecchio sono periodicamente tartassati dai malviventi.

A denunciarlo ancora una volta sono gli amministratori della pagina Facebook dell’associazione “Marcosimoneonline” che stamane, giovedì 9 maggio, hanno segnalato un fatto risalente allo scorso venerdì 26 aprile accaduto in via Subiaco, a Setteville Nord.

Secondo il racconto della vittima, all’ora di pranzo due donne hanno parcheggiato un’auto bianca davanti al cancello di ingresso di un condominio.

“Mentre una rimaneva in macchina, l’altra é entrata nel vialetto – è il contenuto del post sulla pagina Facebook “Marcosimoneonline” – e dopo essersi guardata intorno ha aperto il nostro garage e ha curiosato all’interno!

Quando la nostra dirimpettaia se ne é accorta, ha chiesto chi cercavano e la donna ha tirato su il cappuccio della felpa ed è tornata in macchina”.

E’ stata sempre l’attenta vicina di casa a prendere rapidamente il cellulare per fotografare l’auto e annotare il numero di targa prima che le due donne si dileguassero lungo via Subiaco.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Judo, grande successo per il Trofeo nazionale al Palazzetto

“Dopo un controllo sulla targa abbiamo scoperto che essa risulta assicurata ma non per la macchina su cui è montata – conclude la vittima – Domani mattina andremo a sporgere denuncia!”.

Insomma, le presunte ladre viaggiavano su un veicolo con la targa di un’altra vettura: un escamotage considerato sicuro per non essere identificati.

Già nella giornata di ieri, mercoledì 8 maggio, sulla pagina Facebook dell’associazione “Marcosimoneonline” erano stati segnalati un furto messo a segno all’alba in un villino di Via Castel Madama e un tentativo in un appartamento di via Sambuci (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Nel secondo caso i proprietari dormivano e sono stati svegliati all’improvviso dall’antifurto: visionando le telecamere le vittime hanno appurato che un balordo era entrato in casa, ma è stato messo in fuga.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.