Monterotondo più smart city, internet gratis in 11 punti della città

Dal 13 maggio attivi, tra il Centro e lo Scalo, 11 punti di accesso gratuiti ad Internet per dispositivi mobili

Monterotondo sempre più smart city. Grazie all’adesione del Comune al progetto WiFiMetropolitano, sviluppato da Capitale Lavoro, società in house di Città Metropolitana di Roma Capitale, nei prossimi giorni saranno attivi diversi punti di accesso ad Internet a cui sarà possibile collegare del tutto gratuitamente pc portatili, smartphone o qualsiasi dispositivo dotato di interfaccia Wi-Fi.

Il progetto riprende e amplia il “PianoInnovazione” attivato già nel 2009 dall’allora Provincia di Roma, per la diffusione della banda larga delle reti Wi-Fi e per contrastare il “digital divide”, a cui il Comune di Monterotondo aderì al pari di numerosi comuni della Provincia.

ECCO DOVE

Gli hotspot, cioè i luoghi fisici in cui sarà possibile collegare alla rete il proprio dispositivo mobile, sono undici.

E sono dislocati sia in centro e sia allo Scalo: nella Sala consiliare di palazzo Orsini, nel giardino del Cigno, nella Biblioteca comunale (3 hotspot), in piazza Baden Powel (davanti alla sede Apm), presso la Torre civica del Green Village, nel parco don Puglisi, in Passeggiata, allo stadio Fausto Cecconi e allo stadio Ottavio Pierangeli.

Per connettersi sarà necessario registrarsi, del tutto gratuitamente, alla pagina di accesso a cui l’utente sarà re-indirizzato dopo aver scelto la rete WiFiMetropolitano tra quelle disponibili alla connessione wireless sul proprio dispositivo.

LEGGI ANCHE  Monterotondo – Rogo al capannone industriale, danni pure alla strada e al collettore fognario

La procedura è piuttosto semplice e subito dopo è possibile navigare effettuando il login con il proprio numero di cellulare e la password scelta in fase di registrazione.

L’ATTIVAZIONE IL 13 MAGGIO

Il nuovo servizio sarà ufficialmente inaugurato venerdì 13 maggio presso l’hotspot della Biblioteca comunale, alla presenza di Alessia Pieretti, consigliera metropolitana delegata all’innovazione tecnologica, transizione digitale, sviluppo economico, attività turistiche ed energia.

«Sono lieto di annunciare l’avvio, anche a Monterotondo, del progetto WiFiMetropolitano – dichiara il consigliere delegato all’Ambiente e all’Innovazione digitale Michele Bavaro – È un altro tassello che si aggiunge al generale processo di modernizzazione e di digitalizzazione della città, come la completa rivisitazione del sito comunale e l’attivazione di servizi telematici annessi”.

“Un processo”, aggiunge il consigliere “che stiamo abbinando all’altro, ugualmente importante, con quale introduciamo servizi e soluzioni ecologicamente virtuose e sostenibili come le colonnine per le ricarica di auto elettriche e le “Case dell’Acqua”, in collaborazione con importanti partner e network come Acea Ato2 e Be Charge.

LEGGI ANCHE  L'abbraccio di Palombara alla Madonna di Fatima

Ringrazio Maurizio Apicella, dirigente di Capitale Lavoro, per il supporto e la possibilità offerta, l’ingegner Riccardo Perotti, responsabile del servizio comunale Sistemi Informativi, per la professionalità e l’impegno con cui ha seguito tutte le fasi della progettazione, il bar Roma, l’Azienda Pluriservizi Monterotondo e il centro aggregativo per minori Piccole Canaglie per aver concesso la possibilità dell’installazione degli hotspot nei loro locali».

“Saluto con particolare soddisfazione la riattivazione del servizio di accesso gratuito alla rete – dichiara il sindaco Riccardo Varone – che rispetto al 2009, anno in cui fu avviato per la prima volta, è ancor più essenziale e fondamentale. In questi anni l’accesso ad Internet ha smesso di essere un’opportunità ed è diventato un vero e proprio diritto sociale.

Per questo la possibilità di accesso gratuito alla rete è un segnale importante, non solo di modernizzazione ma soprattutto di democrazia, al quale una città come Monterotondo, che tra i suoi fondamenti ha da sempre il rispetto e l’estensione dei diritti e delle opportunità, non poteva non cogliere e rappresentare”.

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *